Precedenti Penali Concorso Carabinieri: quali problematiche?

Precedenti Penali Concorso Carabinieri

Quanto incidono i precedenti penali nei Concorsi Carabinieri? Scopriamo insieme quali precedenti penali possono escludere un candidato dal Concorso

Con questo post vogliamo rispondere ad una domanda che spesso ci viene formulata da quanti ci leggono, in merito ad un argomento piuttosto complesso che riguarda i precedenti penali nei Concorsi dei Carabinieri. Quanto incidono sulle reali possibilità di partecipazione al concorso da parte del candidato? Quali problematiche si potrebbero riscontrare? Ebbene, vediamo di fare chiarezza sul tema partendo da quanto si trova scritto nei bandi di concorso per entrare nell’Arma dei Carabinieri.


INDICE
– Cosa prevede il bando
– Riabilitazione penale
– Precedenti penali in famiglia


Precedenti Penali Concorso Carabinieri: cosa prevede il bando?

All’interno di tutti i bandi di Concorso per arruolarsi nell’Arma dei Carabinieri, qualsiasi ruolo e grado si intenda ricoprire, vengono elencati i requisiti che i candidati devono necessariamente possedere (entro il termine della scadenza del bando) per presentare domanda di partecipazione. Tra questi requisiti ce n’è uno relativo a possibili precedenti penali da parte del concorrente. In ogni bando concorsuale per l’arruolamento nei Carabinieri, infatti, si legge: “i concorrenti non devono essere stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi e non essere stati sottoposti a misure di prevenzione” e ancora “i concorrenti devono avere tenuto condotta incensurabile e non aver posto in essere, nei confronti delle Istituzioni democratiche, comportamenti che non danno sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato“. Questo vuol dire che avere una fedina penale sporca comporta l’impossibilità di partecipare ai Concorsi Militari; tale requisito, infatti, oltre ad essere presente in tutti i bandi di Concorsi per entrare nell’Arma dei Carabinieri, è presente anche in tutti i bandi di Concorso per arruolarsi nelle Forze Armate e nelle Forze dell’Ordine. Chi ha avuto dei problemi con la giustizia, rimediando una condanna penale o qualche carico pendente, ovvero è imputato in un processo oppure è sottoposto a indagini preliminari, dunque, sembra essere destinato a rinunciare al proprio sogno di vestire la divisa.

Precedenti Penali Concorso Carabinieri: cosa succede in caso di riabilitazione?

Molti tentano di arginare il problema facendo richiesta di riabilitazione. In sintesi: la riabilitazione penaleestingue le pene accessorie ed ogni altro effetto della condanna, salvo che la legge disponga altrimenti”; ovvero, a chi si è ravveduto, la riabilitazione penale cancella le pene accessorie per favorire il suo reinserimento sociale. Non tutti, però, possono richiedere la riabilitazione, poiché il soggetto che è stato in precedenza condannato deve dimostrare una costante buona condotta e deve mantenere uno stile di vita consono alla normale convivenza civile e sociale. Differenti, a seconda del soggetto, sono le tempistiche per la riabilitazione penale che può essere richiesta dopo 3 anni dal giorno in cui la pena principale è stata estinta (uscita dal carcere, pagamento della multa o dell’ammenda), oppure 8 anni nel caso di recidiva aggravata o reiterata oppure ancora 10 anni per le pene più gravi o per quei soggetti che hanno reiterano nei loro errori.

Come detto sopra, la riabilitazione potrebbe rappresentare una soluzione per quanti, pur con precedenti penali, vogliono partecipare ai concorsi pubblici. Questa soluzione, però, non è valida per i Concorsi Militari (Forze Armate e Forze dell’Ordine) che prevedono una “condotta incensurabile“, ovvero prevedono che il candidato non sia mai stato soggetto a condanne penali e/o giudiziarie. Ottenere la riabilitazione, infatti, permette di cancellare le proprie ‘colpe’, che rimangono però iscritte nei carichi pendenti del soggetto. Questa persistenza non permette quindi di ottenere uno dei requisiti base dei Concorsi di Selezione per entrare nell’Arma dei Carabinieri. Quanti, dunque, abbiano avuto problemi penali devono necessariamente rinunciare ad un futuro nei Carabinieri e, più in generale, devono rinunciare ad una carriera militare.

Precedenti Penali Concorso Carabinieri: se i precedenti penali sono in famiglia

Un caso a parte, invece, rappresenta la presenza di precedenti penali all’interno della famiglia. Nei bandi di Concorso per entrare nei Carabinieri non viene fatto specifico riferimento a casi del genere. C’è da dire, infatti, che per la legge italiana, la responsabilità penale è personale e dunque non è possibile che un fatto che è estraneo e che non riguarda in prima persona il candidato, possa pregiudicarlo nella partecipazione ad un concorso pubblico. Difatti, per quanto riguarda i Concorsi Militari, non vi sono restrizioni in tal senso. Un candidato che nella propria famiglia ha parenti con precedenti penali può presentare domanda di partecipazione a tutti i Concorsi di Selezione per entrare nei Carabinieri. Per esperienza, però, dobbiamo informarvi che all’interno dell’iter concorsuale – in particolare negli accertamenti psico-attitudinali (colloquio con lo psicologo) – questo dato familiare potrebbe essere portato alla luce. Sarà poi la commissione del Concorso a valutare la situazione in essere e a ritenere il candidato idoneo o inidoneo a proseguire l’iter concorsuale.

Per ricevere maggiori info, contattaci subito, un incaricato della Nissolino Corsi ti risponderà il prima possibile.

10 Commenti su Precedenti Penali Concorso Carabinieri: quali problematiche?

  1. Salve. Ho appena letto il vostro articolo e mi è sorto un dubbio. Siete sicuri che nonostante avendo parenti con precedenti non influenza la valutazione finale del candidato? Qualcuno con problemi simili è mai passato?

    • Salve Enrico, come riportato nell’articolo “per la legge italiana, la responsabilità penale è personale e dunque non è possibile che un fatto che è estraneo e che non riguarda in prima persona il candidato, possa pregiudicarlo nella partecipazione ad un concorso pubblico”. Per esperienza, però, dobbiamo riportare notizia di candidati che, durante il colloquio con lo psicologo, sono stati interrogati su eventuali carichi pendenti o precedenti penali di familiari. Detto questo, ti ricordiamo che è sempre la commissione del Concorso a valutare la situazione in essere e a ritenere il candidato idoneo o inidoneo a proseguire l’iter concorsuale.

    • Gentilissimi mio padre ha una causa penale in corso ancora non è stato giustiziato dopo 7 anni atti persecutori. Io dovrei presentarmi alla prova con lo psicologo a giorni il tutto è rilevante?

      • Salve Benedetta, come riportato nell’articolo “per la legge italiana, la responsabilità penale è personale e dunque non è possibile che un fatto che è estraneo e che non riguarda in prima persona il candidato, possa pregiudicarlo nella partecipazione ad un concorso pubblico”

  2. Buonasera,ho 21 anni ed ho sempre amato la divisa. Il 29/12/2015 ho avuto un incidente in macchina dove sono stato sottoposto ad analisi, positive per la marijuana.La classica ragazzata.Ora quello che non capisco è :se provassi il concorso verrei escluso a priori?attualmente il 9/9/18 Non so ancora nulla di questo processo nessun avviso ,quindi dovrebbe essere ancora aperto.Premetto che l incidente non ha avuto feriti o vittime.Ricordo l età massima 26 anni per entrare nei carabinieri.Aiutatemi voi a capire perché io ho uno zio maresciallo che però non sa rispondermi con certezza,grazie e buonasera.

    • Salve Savino, come avrai potuto leggere nell’articolo sopra, in ogni bando concorsuale per l’arruolamento nei Carabinieri vi è scritto: “i concorrenti non devono essere stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi e non essere stati sottoposti a misure di prevenzione”. Devi quindi, innanzitutto, capire la tua situazione nell’eventuale processo in corso.

  3. Avere parenti con precedenti, anche che si tratti di fatti lontani nel tempo, è causa del tutto OSTATIVA all’assunzione nell’Arma dei Carabinieri. Fidatevi di chi conosce bene questo mondo. Troppi giovani perdono tempo prezioso rimanendo con una grande delusione. Fate altri concorsi

  4. Salve,ho letto con interesse il vostro articolo,una cosa però non mi è chiara,cioè quando fate riferimento ad eventuali precedenti penali di familiari, che potrebbero emergere durante il colloquio dei test psico-attidudinali,forse perché tali commissioni sono in possesso dei dati personali dei familiari del candidato,o perché emergerebbero in maniera involontaria durante il colloquio?
    In attesa di una vostra risposta,ringrazio anticipatamente.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.